fbpx
cosa vedere alba

Scoprire Alba e Dintorni

Fiore all’occhiello della provincia di Cuneo e di tutte le Langhe, Alba offre un’infinità di risorse per trascorrere un soggiorno all’insegna del gusto, della cultura e della bellezza. Se ti stai domandando che cosa vedere ad Alba, questo articolo ti sarà utile per scoprire questa incantevole cittadina e i suoi dintorni. Innanzitutto, non appena si nomina questo antico borgo, ecco scattare il nesso con i pregiati prodotti, i piatti tipici e gli straordinari vini della zona, che da soli varrebbero un viaggio qui. Se desideri gustare le specialità locali in un luogo panoramico con un’emozionante vista sui colli circostanti, allora il Ristorante del Tennis Club ad Alba è l’ideale per fermarsi a mangiare, con il suo rigoglioso terrazzo, la sua cucina genuina e la possibilità di trascorrere un rilassante pomeriggio in piscina (per saperne di più, leggi questo articolo: https://tennisclubalba.it/dove-mangiare-bene-ad-alba/).

Cosa vedere ad Alba

Ma andiamo con ordine: quali sono le cose che non possiamo perderci se desideriamo visitare Alba, capoluogo storico ed economico delle Langhe? Di origini preromane, questa piccola città è un gioiello di storia, tradizioni e magnifici paesaggi, rinomata in tutto il mondo per la prestigiosa Fiera del Tartufo, giunta alla sua ottantanovesima edizione; dal 2017, inoltre, Alba è stata riconosciuta dall’UNESCO quale Città Creativa per la Gastronomia. Vediamo, ora, nel dettaglio quali sono le chicche da visitare assolutamente durante il nostro soggiorno.

La Fondazione Ferrero

Nata da un’idea di Michele Ferrero – figlio di Pietro, fondatore, insieme al fratello, della storica e leggendaria industria dolciaria – la Fondazione Ferrero è una Onlus che supporta i più anziani collaboratori del Gruppo. Suo protagonista, un ricco programma di appuntamenti culturali e ricreativi (oltre che solidali e rivolti all’assistenza sociale), fra cui spiccano mostre di altissimo livello, ad esempio quella Internazionale su Salvador Dalì svoltasi lo scorso inverno. Anche i convegni della Fondazione, di notevole interesse scientifico e culturale, risulteranno stimolanti per gli appassionati di tali tematiche, sempre con un occhio di riguardo per gli artisti e i rappresentanti della scena culturale albese. Per conoscere il calendario delle iniziative, puoi visitare il sito  https://www.fondazioneferrero.it/.

Il centro di Alba

Il centro di Alba affascina ogni anno decine di migliaia di viaggiatori con l’eleganza delle sue architetture, le sue peculiari case-torri e l’ordinato assetto delle sue piazze e dei suoi palazzi. Da visitare ad ogni costo, Piazza Savona, piazza Risorgimento, con la sua eccelsa Cattedrale Gotica, via Vittorio Emanuele II, con i suoi stupefacenti edifici medievali e rinascimentali, e il Museo Archeologico e di Scienze Naturali, solo per citare alcuni fra i molti punti d’interesse della città.

La Chiesa della Maddalena

Risalente al Settecento, questo edificio religioso, con la sua natura barocca e i suoi riferimenti ai modelli borrominiani e guariniani, differisce dal generale impianto medievale del centro storico. Notevole la decorazione illusionistica della volta, realizzata a metà XVIII e imperniata sull’encomio della Beata Margherita di Savoia, dell’ordine domenicano e della dinastia sabauda. La volta, effettuata nel 1734, mostra sfondi con prospettive architettoniche barocche di notevole impatto scenografico.

Alba Sotterranea

Alba ti stupirà ulteriormente se deciderai di seguire questo originale tour sotto la guida di un archeologo, attraverso le molteplici tappe del percorso archeologico cittadino (ne sono presenti oltre una trentina). Gli itinerari variano a seconda della data e terminano con una visita al Museo Archeologico e di Scienze Naturali. Altre informazioni qui: http://www.comune.alba.cn.it/sma/cos-%C3%A8-il-sistema/visite-guidate/alba-sotterranea.

Le Cento Torri Medioevali

Gloriosa eredità del periodo medievale, come poc’anzi accennato, le “cento torri” di Alba rientrano fra le attrattive più importanti della città, conosciuta, appunto, come “la città delle cento torri”, tutte edificate fra il Trecento e il Quattriocento. Purtroppo, ad oggi ne sopravvive soltanto un’esigua parte; quelle in migliore stato di conservazione si possono ammirare tra piazza Risorgimento e Via Cavour.

I dintorni di Alba

Una volta visitata Alba, degustati i suoi prodotti e piatti tipici ed ammirato il suo centro storico, è ora di partire alla scoperta dei suoi dintorni: ma che cosa vedere nelle Langhe? Quali borghi e città esplorare per portare a casa il miglior ricordo possibile di questo splendido territorio? Ecco alcuni paesi delle Langhe da non lasciarti sfuggire durante la tua vacanza nei luoghi più belli del Piemonte.

Barolo

Famoso in tutto il globo per l’eccellenza del suo vino rosso fermo a marchio DOCG – fra i più prestigiosi al mondo – il comune di Barolo, sempre in provincia di Cuneo, si trova su un altopiano da cui potrai ammirare le Langhe dall’alto e percorrere rilassanti escursioni fra i suoi numerosi sentieri immersi nella natura. Qui, potrai visitare il Castello della Volta, il Castello Falletti di Barolo e due particolari musei: quello del Vino e quello dei Cavatappi.

Grinzane Cavour

Con il suo prezioso castello, costruito fra il XIII e il XIV sec., Grinzane Cavour deve il suo nome al conte Camillo Benso, che vi fu sindaco per quasi due decenni (fino al 1849). Anche questo borgo può vantare una vista spettacolare sulle colline del Barolo, nonché numerose cantine in cui degustare i vini e le specialità del territorio.

Barbaresco

Fortificato in epoca medievale, periodo a cui risalgono la sua torre il suo imponente Castello, anche il comune di Barbaresco è un piccolo tesoro dell’enogastronomia italiana e mondiale: il suo vino DOCG è infatti tra i rossi più apprezzati e prestigiosi in assoluto. È sede dell’importante Enoteca del Barbaresco, vera e propria “cattedrale del vino”, e nei suoi dintorni è possibile percorrere bellissimi itinerari nel verde della natura.

Neive

Di origine neolitica, questo piccolo borgo conserva ancora intatto il suo centro storico, risalente al periodo medievale, fra cui spicca la Torre dell’Orologio. Rientra fra i Borghi più Belli d’Italia e ha recentemente ottenuto la bandiera arancione dal Touring Club Italiano in qualità dell’eccellenza della sua accoglienza e ricettività. Il suo fulcro è rappresentato dalla settecentesca Piazza Italia con l’antico Palazzo del Municipio e, anche a Neive, si possono degustare ottimi vini DOC e DOCG.

Ristorante ad Alba: Il tennis Club

Riepilogando, tutta la zona delle Langhe presenta bellezze inestimabili da scoprire ed assaporare ad ogni angolo. Se ti trovi in questo affascinante territorio e desideri degustare le sue preparazioni tipiche, il Tennis Club Alba saprà soddisfare il tuo palato e la tua sete di bellezza. Fermarsi a mangiare in un ristorante ad Alba è un’ottima idea per scoprire gli autentici sapori delle Langhe e i suoi piatti tradizionali, e la cucina del Tennis Club sarà in grado di aiutarti a concludere in bellezza il tuo tour nelle Langhe, con il suo panorama mozzafiato sui colli e la sua autentica cucina locale. Per scoprire le sue specialità e per prenotare il tuo tavolo, visita il sito www.tennisclubalba.it (tel. 0173 612174, mail info@tennisclubalba.it). Il Club ti aspetta in  Frazione Ricca di Diano d’Alba (CN), in Via Gaiole Rinaldi 6.

No Comments

Post A Comment